Home » In Evidenza » Grave emergenza umanitaria a Camp Garba 

Grave emergenza umanitaria a Camp Garba. I missionari fanno appello alla solidarietà del Sulcis   versione testuale

In seguito a una feroce lotta tribale circa 3000 profughi si sono rifugiati nella missione di Isiolo. La situazione è drammatica, manca tutto: cibo, acqua, medicinali e coperte


In Kenya, nella zona di Camp Garba (Isiolo), la Missione fondata e adottata dalla Diocesi di Iglesias, è in corso una emergenza umanitaria a causa di una lotta tribale tra Borana, Somali e Turkana,  iniziata alcuni mesi fa. Circa 3000 profughi, secondo P. Rovelli della Consolata, si sono riversati nella Missione di Camp Garba, chiedendo aiuto e rifugio ai Missionari.
Molti son riusciti ad accamparsi in ricoveri di fortuna, in piena savana, con il  pericolo degli animali feroci, ma la maggior parte si è rifugiata in Missione, nelle scuole del centro e negli asili dei villaggi circostanti. Hanno bisogno di tutto: cibo, acqua, medicinali, coperte. La situazione è drammatica. Gli aiuti governativi sono insufficienti. La diocesi di Isiolo,  insieme alle altre Missioni,  cercano di venire incontro ma non basta mai. Manca l'acqua, sono infatti  nella stagione secca: aumenta quindi il rischio di epidemia e morte, soprattutto per bambini. Le scuole son rimaste chiuse per un  lungo periodo, sia perché occupate dai profughi, sia perché i bambini potevano essere in pericolo. Al Centro hanno timidamente riaperto, perché gli alunni sono più protetti, essendo figli di tutti i belligeranti. Altri alunni si sono trasferiti, temporaneamente, in centri più sicuri dove, regnando una unica tribù, non ci sono lotte. Nel territorio di Camp Garba sono stati allestiti tre campi profughi: Shambani (con circa 1200 persone), Game con 800 sfollati e Masharkwata-Kiwanja con circa 850 persone. 
Da ottobre ad oggi sono state distrutte più di 150 case-capanne e uccise decine di persone. Interi raccolti sono stati distrutti e intere mandrie di cammelli e mucche disperse. I sopravvissuti, costretti a scappare, hanno trovato rifugio nelle scuole, nelle cappelle della Missione e nelle vicinanze della chiesa parrocchiale.
A causare la forzata migrazione della popolazione sono state le lotte intestine tra le tribù di Nomadi del Nord del Kenya, che si scontrano in modo violento per il possesso del bestiame e per assicurarsi il diritto al pascolo. Gli incontri tra le autorità e i rifugiati, mediati spesso dai Missionari, non hanno portato a nulla: le scorribande e le sparatorie degli invasori continuano e ai rifugiati non è garantita alcuna protezione. Anche la polizia ha paura di avvicinarsi a quella zona e, di notte, i militari addirittura scompaiono.
I Missionari di Camp Garba sono attualmente impegnati ad offrire aiuti di emergenza (cibo, acqua, medicinali, vestiario e coperte) ai rifugiati, soprattutto ai bambini e alle donne, primi e principali vittime della situazione.
Noi della Commissione diocesana per la Missione di Camp Garba, poichè sarebbe molto costoso e difficile far arrivare a destinazione cibo e generi di prima necessità, lanciamo un appello agli sponsors,  che hanno adottato a distanza dei bambini, perché versino con sollecitudine le loro quote, e chiediamo a tutte le persone di buona volontà e buon cuore di inviare qualche offerta libera.
1) Conto Corrente postale N° 22350094, intestato a Diocesi di Iglesias - Missione Camp Garba 
2) Conto Corrente Bancario - Banca di Credito Sardo - Filiale di Carbonia - IBAN IT63 V030 5943 8501 0000 0002 210 - BIC B C I T I T 3 C
Chi volesse maggiori informazioni può telefonare a don Elio Tinti 338.9955233 o a don Giuseppe Zusa 349.4703102.
Ringraziamo di cuore quanti vorranno essere solidali e generosi e auguriamo a tutti i Benefattori ogni bene.


stampa pagina
invia a...
© 2012  Diocesi di Iglesias - Piazza Municipio 1 Iglesias  Cagliari  Italy  09016  ---    CREDITS